Trail Romito – 2 Km

Tail Branzi Guercio Romito e Barilotta_2

 

FOR ADVANCED – ALL MOUNTAIN TRAIL

Il Trail Romito prende il nome dal punto di arrivo, la frazione di Romito, in una spettacolare ed impegnativa discesa che passa dalla “Farfalla Dorata”, luogo mistico della zona, arrivando fino a Romito in un’ultima discesa piena di tornanti insidiosi e di rocce, il tutto partendo dai Monti San Lorenzo, prima del B&B La Rosa Canina. Una discesa senza fiato tutta da godere… Presenta una elevata varietà di fondo e quindi necessita l’applicazione di diverse tecniche di guida. si parte con un tratto con un fondo molto roccioso con pietre sporgenti ed aguzze. Non a caso questo tratto è chiamato “pietre aguzze” e necessità di una guida quanto più diretta ed attiva con braccie e gambe per far galleggiare la bici sulle pietre senza provare ad evitarle e senza rallentare. Nel secondo tratto che inizia a destra dopo il rudere della chiesetta sconsacrata, si passa dalla farfalla dorata dritti in discesa in un paio di tornanti moto scassati e dal terreno friabile che necessità di determinazione e ricerca di appoggi alle ruote per non sbandare. Poi il terzo tratto, che è il più veloce, che parte da dietro la casa con ottimo fondo sempre più veloce fino giù tra salti, appoggi e frenate al limite…. Bello da fare tutto d’un fiato. Arrivati al bivio col trail Barilotta, è possibile anche prendere il tratto finale del Barilotta, più divertente e discendere giù a Romito.

Il Trail passa proprio accanto al sito megalitico di San Lorenzo al Caprione, sito di archeoastronomia cristiana.
L’elemento principe di questo sito è il Tetralithon, costituito da quattro elementi, due che funzionano come ortostati, uno che funziona come completamento superiore, uno che funziona come completamento inferiore.
L’elemento superiore appare formato come una losanga, la cui cuspide inferiore modella, quando il tetralithon è attraversato dalla luce del Sole solstiziale estivo, l’innesto superiore delle due ali della farfalla dorata, che si forma al tramonto, quando l’altezza del Sole scende sotto i 3°. L’elemento inferiore è fornito da una grande pietra trasversale, che porta in alto una gobba che contribuisce a formare l’innesto inferiore delle due ali della farfalla dorata.

La farfalla dorata.
La luce del Sole attraversa il quadrilite, ne viene modellata, quindi va a colpire una grande pietra fallica che è opposta ad esso. L’immagine della farfalla si forma dapprima sul lato sinistro, quindi si espande piano piano, in ragione dell’avanzare dell’azimuth del Sole, formandosi anche sul lato destro. Il fenomeno inizia alle ore 20.15 (ora legale estiva) e si protrae fino alle ore 20.40 (ora legale estiva). Nel periodo di una settimana antecedente e conseguente al 21 giugno l’immagine della farfalla è piena , ma è possibile osservare il fenomeno dal 25 maggio al 29 luglio, con piccole deformazioni in altezza e in larghezza, in ragione delle differenze di altezza e di azimuth del Sole.
L’angolo del culmine inferiore della losanga è stato calcolato, con l’uso dell’orologio astronomico e dei programmi computerizzati, in 299°.
Poiché l’angolo massimo di amplitudine occasa, alla latitudine del Caprione, a livello del mare, risulta di 303°, e chiaro che sarà possibile assistere alla penetrazione della luce nel quadrilite per tutti i giorni in cui quest’angolo viene raggiunto e superato.
L’elevata durata della visione della farfalla dipende però dalla eventuale presenza di banchi di nuvole, stazionanti sulla Provenza o sulle Cinque Terre, che potrebbe impedire il passaggio della luce solare .Va infatti notata la particolarità che il tramonto del sole sostiziale avviene in una piccola sella della sky-line, ed è molto importante che in quel preciso punto dell’orizzonte non vi siano nubi.
Altro impedimento al passaggio della luce solare è costituito dalle chiome degli alberi, che crescono rigogliosi nel bosco antistante il quadrilite, e che vanno continuamente ripuliti.
La presenza di fronde può far ritardare il tempo di inizio e anticipare il tempo di fine della formazione della farfalla dorata, oppure interromperla in fase intermedia.
Si deve notare che il funzionamento del quadrilite, per potere dar luogo alla primitiva “diapositiva preistorica”, doveva avvenire quando gli alberi non erano ancora cresciuti in questo sito, che doveva allora essere soltanto ricoperto di erba e di acque (immediato periodo post-glaciale).

Foto del Sito Megalitico de La farfalla Dorata a circa metà del Trail Romito

Schermata 2016-05-28 alle 17.42.38

 

 

 

Distanza totale: 1950 m
Totale salita: 6 m
Totale discesa: -308 m
Scarica

USE OF ALL  TRAIL IS AT YOUR OWN RISK!

L’UTILIZZO DI TUTTI I SENTIERI E’ A PROPRIO RISCHIO E PERICOLO

I commenti sono chiusi.